Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Abbiamo 2 visitatori e nessun utente online

Find Us On FaceBook - Image
Facebook Image

 Benvenuti

ll Centro Attività Subacquee di Ancona compie 50 anni!!

 Il Centro Attività Subacquee di Ancona, club storico nell’ambito dell’attività subacquea anconetana, campione d'Italia 1982, è una associazione sportiva senza fini di lucro che dal 1965 svolge attività didattica e ricreativa.

Tutti i corsi vengono impartiti con il metodo della didattica FIPSAS affiliata al CONI e valevoli in tutto il mondo.

Organizza inoltre gite sociali per atleti e famigliari, cene ed altre manifestazioni ludiche con lo scopo di rafforzare l’amicizia tra i soci.

Da anni è impegnato nella tutela e difesa dell’ambiente marino e promuove numerose iniziative (pulizia spiagge, fondali marini, corsi di biologia marina) a cui tutti possono partecipare sotto la guida di Operatori Ambientali Subacquei esperti.

Giovedì, 05 Maggio 2016 09:11
 
 
Il Centro Attività Subacquee di Ancona organizza per i suoi soci, nel mese di Maggio, una gita a Rovigno
 
 
Si raccomanda vivamente chi interessato di dare adesione al più presto.
 
In attesa di vostra celere risposta
 
Cordiali saluti
 
CENTRO ATTIVITA' SUBACQUEE

 

 
 
Venerdì, 18 Dicembre 2015 13:02

Tutto è pronto per il 19 Dicembre 2015, alle ore 10,30 , immersione di Natale per la posa dentro la Grotta del Presepe Aurora, nuovo punto di immersione, con il Centro Attività Subacquee. Vi aspettiamo davanti al Passetto !!!!!!

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
CENTRO ATTIVITA' SUBACQUEE

 

 
 

RSS Feed

RSS feeds for Portale FIPSAS.it
  • Nell'ambito del programma di collaborazione tra la FIPSAS e l'AMP Isole Ciclopi, si è svolta sabato scorso, presso la sala conferenze dell'AMP Isole Ciclopi ad Acitrezza, la conferenza sul tema “Le Specie Aliene del Mediterraneo”. Dopo un breve momento commemorativo della figura del compianto Direttore Emanuele Mòllica, il tema è stato trattato dai relatori Dr. Domenico Catalano, Direttore della RNI Isola Lachea e Faraglioni dei Ciclopi e Dr. Filippo Massari, Istruttore ambientale di pesca della FIPSAS. Per vari motivi, naturali e non, il bacino del Mediterraneo ospita centinaia di specie aliene sia vegetali che animali. Alcune sono microscopiche e sfuggono alla comune osservazione, altre invece sono ben visibili e possono suscitare la curiosità di chi le scopre. Il fenomeno ha radici lontane, dalle comuni “cozze” o Mytilus galloprovincialis introdotte dagli antichi Romani, alle specie più recenti come il pesce coniglio, entrato dal Canale di Suez, la cui presenza è stata documentata recentemente nel mar Jonio. Nella foto: gruppo dei relatori, da sinistra Dr. Giuseppe Pulvirenti Presidente LNI Riposto, Dr. Domenico Catalano Direttore RNI Isola Lachea, Dr. Filippo Massari Istruttore ambientale pesca FIPSAS. Alcune possono rappresentare un serio pericolo per la salute dell'uomo, come il caso del pesce palla maculato o Lagocephalus sceleratus segnalato in Calabria e nel Golfo di Napoli, letale per chi ne viene a contatto o se ne ciba tanto da essere oggetto di un'apposita campagna d'informazione dell'ISPRA. Naturalmente la conoscenza di questa specie, o di altre aliene, rappresenta l'unico mezzo per non correre pericoli. Tra i metodi di rilevamento la fotografia subacquea ed in particolare il safari fotografico subacqueo, rappresentano quelli a minor impatto ambientale e di maggior efficacia descrittiva perchè mostrano i soggetti liberi nel loro ambiente. Un'interessante esposizione di questo fenomeno, arricchita da curiosità ed immagini suggestive, ha catturato l'attenzione del numeroso pubblico presente formato da fotografi subacquei, pescatori sportivi ed appassionati del mare. L'occasione è servita anche per presentare il programma di collaborazione tra l'AMP Isole Ciclopi e la Sezione provinciale FIPSAS di Catania sul progetto “Contabilità Ambientale nelle Aree Marine Protette italiane”, promosso dal Ministero dell'Ambiente e che impegnerà, per tutto il corrente anno, un team di pescatori della FIPSAS di Catania sul monitoraggio della pesca sportiva all'interno dell'AMP.

  • In un'interessante articolo pubblicato sull'edizione odierna de Il Sole 24 Ore, viene presentata la nostra Federazione attraverso le parole del Presidente Matteoli. L'agonismo, la didattica, la lotta al bracconaggio, la tutela delle nostre acque sono solo alcuni degli argomenti affrontati in questa intervista che potete visualizzare cliccando sul seguente link: https://goo.gl/YKb0bi .

  •   Riceviamo e volentieri pubblichiamo la lettera inviata alla FIPSAS da Lele Tubertini, titolare dell'omonima e prestigiosa azienda italiana, conosciuta in tutto il mondo, che produce attrezzi e materiale per la pesca sportiva, inerente la riproposizione di una Licenza a pagamento e della sua destinazione ai pescatori professionisti del mare. Questo, ci aiuterà a sensibilizzare, oltre ai singoli pescatori sportivi e ricreativi, soprattutto, i titolari dei negozi e delle attività con punti vendita dedicati alla pesca sportiva, insomma, la categoria che lavora e si sostiene con le attività legate al nostro Sport. LEGGI